Quel dire velato  che non scende mai troppo nel dettaglio. Che non parla mai chiaramente. Quell'accennare che non diventa mai troppo diretto ed esplicito. Quello spropositato utilizzo dell'IO, contrapposto ad un TU da minimizzare. Quel dire quasi sottovoce, che non incontra mai gli... Continue Reading →